I Nostri Principi

I PRINCIPI-GUIDA:
  • la centralità della persona: il termine di riferimento ultimo del nostro agire rimane il bisogno della persona, nei suoi aspetti più complessi. Ciò vale in duplice direzione, sia nei confronti degli utenti dei nostri servizi, sia rispetto ai cooperatori, ovvero a coloro che, a vario titolo offrono le proprie risorse lavorative all’interno dell’organizzazione;
  • la partecipazione democratica: nelle nostre organizzazioni si persegue uno stile decisionale trasparente e partecipato. Tutti gli operatori sono considerati soggetti critici, ogni socio deve poter contare nella determinazione delle scelte strategiche, sia pur nel rispetto dei meccanismi e dei processi di delega istituzionale;
  • il radicamento territoriale: riteniamo fondamentale mantenere un radicamento ed un rapporto privilegiato con la comunità, le strutture, gli enti, gli spazi del territorio da cui originiamo e proveniamo. Tale radicamento è presupposto ed insieme conseguenza del sopraccitato principio della “centralità della persona”;
  • il perseguimento di legami stabili con altri soggetti del Terzo Settore (volontariato, IPAB, ASP, imprese sociali);
  • il pluralismo: ovvero la volontà di costruire organizzazioni “laiche“, aperte al confronto ed al contributo di tutti, capaci di cogliere e valorizzare “contaminazioni” provenienti da diverse estrazioni e matrici culturali e categoriali;
  • la valorizzazione del lavoro cooperativo a partire dall’imprescindibile rispetto e applicazione del CCNL e di tutte le normative che tutelano i lavoratori e le lavoratrici.

A partire da questi riferimenti valoriali e culturali, ecco dunque la nostra idea di Consorzio:

un’organizzazione imprenditoriale che permetta alle singole imprese associate di realizzare più efficacemente le proprie finalità istituzionali, incrementando il valore sociale complessivo dell’impresa sociale del territorio, attraverso l’integrazione ed il coordinamento delle attività delle associate stesse: tra loro e nei confronti degli altri soggetti locali che operano all’interno del terzo Settore